La Fondazione Fidapa, fondata nel 1988, è Onlus dal 1998 e ha lo scopo di aiutare le donne ad inserirsi e reinserirsi nel mondo del lavoro.

Powered by Websee
 

Organi Statutari

Maria Candida Elia

presidente

Bianca Vetrino

vice presidente

Maria Candida Elia

presidente

Bianca Vetrino

vice presidente

Francesca Brezzi

consigliere

Silvia Calzolaro

consigliere

Rosario Faraci

consigliere

Adele Finco

consigliere

Giulia Galantino

consigliere

Vitaliano Gemelli

consigliere

Esterina Idra

consigliere

Laura Mazzanti

consigliere

Caterina Mazzella

consigliere

Fiammetta Perrone

consigliere

Rosalba Russo

consigliere

Giulia Taddei

consigliere

Maria Antonietta Ventre

consigliere

Maria Candida Elia

presidente

Bianca Vetrino

vice presidente

Silvia Calzolaro

membro effettivo

Rosalba Russo

membro effettivo

Giulia Taddei

membro effettivo

Assunta Smiraglio

tesoriere

Carmen Giustardi

presidente

Claudia Amerio

membro effettivo

Olimpia Chiarugi

membro effettivo

Mariella Bottallo

membro supplente

Conny Di Benedetto

membro supplente

M.Candida-Elia

Maria Candida Elia

avatar-f-Fondazione

Bianca Vetrino

Francesca-Brezzi

Francesca Brezzi

Silvia-Calzolaro

Silvia Calzolaro

Rosario-Faraci

Rosario Faraci

avatar-f-Fondazione

Adele Finco

Giulia-Galantino

Giulia Galantino

vg

Vitaliano Gemelli

Esterina-Idra

Esterina Idra

Laura-Mazzanti 1

Laura Mazzanti

Mazzella-Caterina

Caterina Mazzella

Fiammetta-Perrone-1

Fiammetta Perrone

Rosalba-Russo2

Rosalba Russo

Giulia-Taddei-1

Giulia Taddei

Maria-Antonietta-Ventre

Maria Antonietta Ventre

Assunta-Smiraglio

Assunta Smiraglio

Carmen-Giustardi

Carmen Giustardi

Claudia-Amerio

Claudia Amerio

avatar-f-Fondazione

Olimpia Chiarugi

avatar-f-Fondazione

Mariella Bottallo

avatar-f-Fondazione

Conny Di Benedetto

Organi Statutari

Sono organi della Fondazione :

1) Il Presidente e il vice presidente
2) Il Consiglio di Amministrazione
3) Il Comitato Esecutivo
4) Il Tesoriere
5) Il Collegio dei Revisori dei Conti.

Il Presidente  è  eletto dal Consiglio di amministrazione tra i suoi componenti, dura in carica 5 anni e potrà essere rieletto per una sola volta.
Il Presidente ha la rappresentanza legale della Fondazione, con tutti i poteri attinenti l’ordinaria amministrazione, compreso quello di nominare procuratori per lo svolgimento di singoli affari.
Convoca e presiede il CdA e il Comitato Esecutivo, delle cui delibere cura l’esecuzione.
Firma gli atti; sorveglia il buon andamento amministrativo della Fondazione; cura l’osservanza dello Statuto e ne promuove la riforma quando si renda necessario.
  Il Vice Presidente viene eletto dal Consiglio di Amministrazione tra i suoi componenti; dura in carica cinque anni e può essere rieletto per  una sola volta.  Sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento ed esercita quelle attribuzioni che gli vengono delegate dagli altri organi.

Il Consiglio di amministrazione è composto di non più di quindici membri , così ripartiti:
a) tre membri fanno parte di diritto del Consiglio d’Amministrazione, nelle persone che, pro tempore , ricoprono la carica di Presidente, Segretaria e Tesoriera Nazionali della Federazione Fidapa; e ciò per la durata della loro carica in seno all’associazione;
b) sei membri saranno nominati dal Consiglio Nazionale della Federazione Fidapa tra le socie dell’associazione nel rispetto della rappresentanza dei Distretti ;
c) sei membri, prevalentemente esterni all’Associazione FIDAPA, verranno  nominati dai nove consiglieri di cui ai gruppi a) e  b).La scelta dovrà comunque sempre avvenire tra persone che abbiano, in qualche modo, illustrato, con la loro opera, il mondo del lavoro, della cultura, dell’arte, della scienza.
Ad eccezione dei componenti di cui alla lettera a) , tutti i consiglieri durano in carica 5 anni e possono essere rinominati solo per un altro quinquennio.
In caso di dimissioni o di impedimento permanente, il consigliere verrà sostituito  con le stesse modalità con cui era stato nominato il consigliere da sostituire. In tal caso il suo incarico cesserà allo scadere del quinquennio in corso, in modo che i consiglieri nominati  vengano a scadere tutti al maturare del quinquennio.
All’interno del Consiglio di Amministrazione verrà designato un componente che assumerà le funzioni di segretario, con le mansioni di redigere i verbali delle sedute dell’Organo, le deliberazioni, la cura della corrispondenza e delle pratiche burocratiche.

Il Consiglio di Amministrazione ha tutti  i poteri necessari per l’amministrazione, ordinaria e straordinaria, della Fondazione

In particolare:

a) Approva i bilanci;
b) Delibera i regolamenti;
c) Delibera su accettazioni di donazioni, lasciti,eredità, destinate ad accrescere il patrimonio;
d) Nomina il Presidente, il Vice Presidente, il Comitato Esecutivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti, e, ove opportuno, un Comitato Scientifico;
e) Delibera, con la maggioranza dei due terzi, su eventuali modifiche dello Statuto da sottoporre all’Autorità tutoria:
f) Decide su affari che gli vengono sottoposti dagli altri organi della Fondazione;
g) Fornisce le direttive circa i piani di lavoro della Fondazione, ed i programmi della stessa;
h) Delibera, in generale, su tutti gli affari, anche di straordinaria amministrazione, che interessano la Fondazione.

 Il Comitato Esecutivo è composto dal Presidente, dal Vice Presidente e da altri tre membri che verranno eletti dal CdA tra i propri membri, in modo che nel comitato sia presente almeno un membro di ciascuno dei gruppi di Consiglieri – a,b, e c, di cui all’art. 8 dello Statuto.
I membri del Comitato Esecutivo durano in carica cinque anni e sono rieleggibili per una sola volta.
Le riunioni di esso sono valide se sono presenti almeno 3 dei suoi membri.
Le delibere devono essere prese a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente.
Il comitato Esecutivo affianca il Presidente nella gestione ordinaria della Fondazione, cura la gestione  delle entrate ordinarie e straordinarie e predispone il bilancio di previsione.
Delibera sull’accettazione di elargizioni e contributi, non destinati ad incremento del patrimonio.   

Il Tesoriere viene nominato dal CdA   tra i suoi componenti se alcuno di essi possiede le competenze necessarie; in mancanza il CdA  procederà alla scelta  di un professionista che  possibilmente abbia la stessa residenza del Presidente e sia disponibile ad assumere l’incarico accettando un modico compenso.
Egli curerà la redazione del bilancio preventivo e consuntivo  e ogni formalità necessaria alla gestione dell’attività della Fondazione.

Il Collegio dei Revisori Dei Conti è composto da tre membri effettivi (e due supplenti) nominati dal Consiglio di Amministrazione, al di fuori dei suoi membri.
I componenti di esso durano in carica 5 anni e possono essere rieletti.
Esso provvede al riscontro della gestione finanziaria della Fondazione e ad esso dovranno preventivamente essere sottoposti i bilanci di gestione.
I Revisori dei Conti hanno facoltà di assistere alle riunioni del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo.